Matteo Papucci, uno scrittore di cui parlare… e leggere

matteo_papucci

Vi presento oggi un nuovo autore, scrittore fantasioso e di talento. Andiamo a conoscerlo attraverso un’intervista molto interessante

1)Chi è Matteo Papucci?

Giacomo [Ndr, che poi sarei io :D], su questa domanda potrei scriverci un romanzo! Chi sono è semplice: Io. Per quanto la risposta sia banale, racchiude la forza delle mie passioni. Sono nato a Firenze, cresciuto in provincia, diviso tra banalità e desiderio. Sono stato tante cose: tintore, venditore, rappresentate, musicista, perfino modello (sempre Nerd!); ho provato di tutto prima di trovare la mia identità. Sono uno scrittore, vivo di fantasia; creo mondi complessi di cui detto le regole e il destino. Sono anche modesto, ma quando lo dico non mi crede nessuno!

2)Quando hai realizzato che volevi diventare uno scrittore?

Ero in quarta elementare. La maestra ci diede il classico tema a piacere. Scrissi una storia di due fogli protocollo su dei ragazzini che salvavano balene dal malvagio regno del nord. Quel giorno, capii due cose: la prima era che volevo fare lo scrittore; la seconda era che dovevo diventare più ordinato! Da allora, cerco di domare una fantasia incontrollabile, sempre gravida di nuove idee.

3)Quale cammino hai intrapreso per poter cimentarti nell’arte dello scrivere?

Al contrario di molti colleghi, non ho avuto nessun maestro. Sono figlio di tintori e, sebbene mi abbiano cresciuto nel migliore dei modi, potevano spiegarmi ben poco sulla realtà che avrei affrontato. Non ho seguito un vero e proprio cammino. Sono andato a tentoni e ancora procedo mosso dall’istinto e dalla cocciutaggine. Quel che mi sprona è il traguardo. Per quante volte sbagli, ogni giorno sono sempre più vicino.

Oltre a migliorarmi costantemente sia nel lessico che nella grammatica, spazio tra vari argomenti di studio: filosofia, geografia, storia; qualsiasi cosa descriva i miei mondi interiori. Cerco continuamente di superarmi, migliorare. In poche parole, non saprei spiegarti il cammino che ho intrapreso, ma posso garantirti che non finirò mai di percorrerlo!

4)Qual’è il romanzo e lo scrittore a cui sei più affezionato?

Solitamante, a questa domanda si risponde con autori di spessore, citando colossi della letteratura, personaggi leggendari e frasi celebri. Io parlerò di un biglietto d’oro. Quando, da bambino, leggendo “La Fabbrica di Cioccolato” di Roald Dahl, sognai un modo commestibile e dolcissimo abitato da Umpa Lumpa dispettosi! Sai cosa posso dirti dopo tutti questi anni, Giacomo? Ho trovato il biglietto d’oro!

5)Parlaci delle tue opere : come nascono, quali emozioni sono racchiuse in esse, cosa speri di donare al lettore.

Le opere che produco nascono dal nulla: sensazioni, paure, affetto, sogno, pensiero, follia; qualsiasi cosa può diventare il motore di una storia. Le emozioni che racchiudono sono le stesse che si provano in una vita intera ed è proprio questo che cerco di donare al lettore: un’altra realtà; lontana, eppure tanto vicina da desiderarla.

6)In che modo promuovi le tue opere? Hai un editore che ti appoggia o ti autoproduci?

La promozione è l’aspetto più impegnativo del mio lavoro. Occupa il 90% del tempo e mi porta in tutta Italia. Collaboro con giornalisti, altri scrittori, riviste, programmi televisivi; nessun aspetto è scontato. Ho un’agente letterario che cura sia la mia immagine che la correzione dei romanzi. Assieme decidiamo le campagne pubblicitarie, le location dove presentarmi e il contenuto delle interviste. Niente viene lasciato al caso. Tutto viene studiato nei minimi dettagli. Il mercato attuale è in continua evoluzione e bisogna essere sempre un passo avanti. Attualmente lavoro, assieme ad altri colleghi, a un progetto ambizioso: una casa editrice basata sulla fiducia tra lettori e scrittori “PersoneDiParola: Isola Editore”. La realtà editoriale è a un punto morto e richiede nuove sperimentazioni e figure che si prendano carico della sua evoluzione. Noi siamo qui per questo.

7)Anche se la domanda è poco poetica, la realtà attuale ci chiama a gran voce per farla : si riesce a vivere facendo lo scrittore?

Essere scrittore è un lavoro come tutti gli altri. Si avvia la propria carriera sapendo di dover investire tempo e denaro. Come in ogni attività, si passerà un periodo di lancio, seguito da un guadagno.

Sì. È possibile vivere facendo lo scrittore, ma fare lo scrittore è molto più impegnativo di quanto si pensi. È un impiego in continua evoluzione, senza orari né ferie. Richiede forti investimenti e sacrifici. Non è raro trovarsi a scegliere tra carriera e affetti. Scrivere un’opera è solo l’inizio del lavoro. È necessario essere presenti a 360° nell’ambiente editoriale. Collaborazioni e progetti paralleli sono all’ordine del giorno. Credere di essere arrivati è l’inizio della fine.

8)Hai le tre parole “viaggio, rosso, allucinazione”. Scrivi per noi un breve racconto che abbia queste tre parole come tema centrale

Alla fine del viaggio, il sole si spense. Avvolto dalle tenebre, vidi Il rosso dell’alba illuminare la volta. Qual’era l’allucinazione? Il buio o la luce? Scelsi e tutto ebbe inizio per la seconda volta.

(Non te l’aspettavi ,eh!?)

9)Cosa ti riserva il futuro? Cosa noi lettori dobbiamo aspettarci da Matteo?

Il futuro offre tantissime strade. Ho diverse collaborazioni aperte sia per nuovi romanzi ( il prossimo dovrebbe uscire nel 2015) che per progetti editoriali completamente nuovi (giochi da tavolo, sceneggiature, articoli su testate online ; mi hanno proposto anche la collaborazione per uno Sparatutto!). Cercherò di portare avanti ogni idea e di terminarne il più possibile. Non posso sapere cosa riserverà il futuro, ma posso garantirti che sentirai parlare spesso di Matteo “Piombo” Papucci!

Personalmente mi sento di fare i migliori auguri a Matteo e vi invito a leggere il suo romanzo , Neraluna, che ne dimostra il talento, la fantasia e l’abilità nel narrare!

neraluna

Categories: Intervista
  • Francesca

    Ho letto “Nera Luna” tutto d’un fiato. Trama coinvolgente, piena di passioni e sentimenti, di storia e di magia. Lo consiglio veramente a tutti!!!!