Creatori di GDR a confronto… Intervista a Danilo Moretti

Danilo_Moretti

Siamo arrivati alla quinta puntata del progetto de La Porta sull’Oltre di intervistare autori talentuosi italiani. E’ la volta di Danilo Moretti, autore di giochi come FenomenaSuper Adventures. Procediamo quindi con la consueta intervista e andiamo a conoscerlo :

Chi è Danilo Moretti?
Infesto la comunità ludica dai tempi in cui con Ciro Alessandro Sacco e Dante Bianchi abbiamo fondato la fanzine (e poi rivista) di Giochi di Ruolo Rune (erano gli anni ’80). Di giorno sono un graphic designer, di notte scrivo giochi.

Cosa ti piace del gioco di ruolo?
La possibilità di esplorare e creare mondi fantastici.

Cosa proprio non sopporti?
I manuali di giochi scritti coi piedi, e non intendo progettati male, ma proprio scritti (o tradotti) male. O quelli dove è dato per scontato che “siamo tutti creativi” e che quindi sono – di fatto – incompleti.

Quale è il gdr che più ti appassiona?
Quello che non mi “blinda” nella visione del suo creatore e che mi stimola e permette di aggiungere del mio. Il bello dei GdR è che una volta che lo giochi è Tuo. Se mi devo preoccupare del fatto che l’autore non lo giocherebbe come me il gioco ha fallito il suo intento di gioco.

fenomena

 

 

 

Parlaci delle tue opere: perché le scrivi, cosa ti ispira, cosa vorresti ottenere nel giocatore che le prova
Amo creare contesti dove l’elemento sorpresa sia fondamentale, sia attraverso meccaniche con una misurata componente aleatoria, sia offrendo setting – spero – originali o “aperti” e non vincolanti. Dell’esperienza di un “giocatore tipo” non mi curo troppo, abbiamo sensibilità, gusti e maturità diverse e creare un gioco su misura per un tipo di giocatore lo trovo riduttivo (al meglio un esercizio di stile). Oggi quando scopro che c’è gente che gioca ancora a Legione (dopo 20 anni dalla sua pubblicazione) non mi curo del fatto che lo giochino con house rules tutte loro o “lontani dalla mia visione” la cosa che mi fa emozionare e che vi abbiamo trovato qualcosa dentro che li ha toccati e ha fatto loro scoprire un mondo che abbiano fatto proprio.

Era una notte buia e tempestosa quando Danilo…
Scoprì  che un dado non doveva avere necessariamente sei facce.

Quando hai scoperto di essere un giocatore di ruolo?
Quando leggendo un articolo di Giovanni Ingellis sulla Grande Enciclopedia della Fantascienza scoprii che esisteva un modo per calarsi in atmosfere fantastiche più emozionante e immersivo che leggere un libro o guardare un film.

Quale opera di fiction (letteraria, cinematografica, grafica, videoludica) ti ha ispirato di più e perché?
Sono onnivoro e non ho un genere che prediligo su altri, ma avendo una maggiore “sensibilità visuale” sono affascinato dal media fumetto. Sono letteralmente cresciuto in mezzo ai super eroi (prima) e ai Bonelliani di taglio  fantastico come Martin Mystère (dopo). Se proprio devo trovare un filo conduttore posso dire che i tratti surreali di serial come Zaffiro & Acciaio, fumetti come Doom Patrol o le opere letterarie di Stefano Benni mi hanno pesantemente influenzato sia scrivendo Fenomena e Freak Control, ma anche (in diversa misura) su Super Adventures e altri progetti minori.

Cosa dobbiamo aspettarci nel futuro da Danilo Moretti?
Altri mondi paralleli di Fenomena, luchador e mummie, mondi al collasso, ancora eroi in calzamaglia, altre bizzarrie e un progetto di world building a forte impatto visuale.

Cosa vorresti vedere nel futuro del Gioco di Ruolo italiano?
Il GdR continua a considerarsi il fratello adolescente di altri mezzi espressivi “più alti” come narrativa e fiction televisiva e spende inutilmente preziose energie cercando di emularli. Per come la vedo io dovrebbe invece assumere un’identità propria e definita e dove la componente “gioco” smetta di essere percepita come imbarazzante.  Il GdR è un mondo polimorfo che per sua natura sfugge a precise classificazioni, se riuscissimo a far diventare questa debolezza percepita un punto di forza probabilmente riusciremo anche a combattere l’implosione che sta vivendo in questi anni.

I giochi di Danilo Moretti sono avvincenti e trattano tematiche affascinanti. Vi invito ad approfondire sui suoi siti, La Struttura e Just Play with dove troverete materiale e tutte le notizie per giocare con i giochi di questo autore tutto nostrano.

Categories: Intervista