Creatori di GDR a confronto… Intervista a Matteo Cortini

matteo_cortini

Ottava puntata, ottava intervista. Anche oggi intervistiamo un altro vip del gdr italiano, Matteo Curte Cortini, coautore insieme a Leonardo Moretti, di Sine Requie, un gioco distopico e apocalittico del tutto nostrano. Inoltre Matteo ha scritto anche altri giochi come Anime e Sangue ed ha altri progetti in serbo per noi. Andiamo a sentirlo direttamente dalle sue parole :

 

Chi è Matteo Cortini?
Uno che si chiama come me! È il mio omonimo! Anche lui è di Firenze e bazzica Stratagemma, il negozio in cui, nel lontano 1987, acquistai il mio primo gdr! Lui è appassionato di giochi di miniature e sa quel che fa in quel campo, non ci siamo mai incontrati ma so che un giorno avere un omonimo mi sarà utile, ad esempio quando qualcuno manderà un killer a uccidermi (ma… aspetta… e se cercassero di uccidere lui? Oh cacchio, sono in pericolo!?!? O___o). L’omonimo del mio omonimo invece sono io, Medico Veterinario con un Master di II Livello in Medicina Comportamentale, sposato, con una figlia e 4 gatti… ma soprattutto, cazzo… MASTER DI 2°LIVELLO!! posso creare dadi e mappe col solo pensiero! Davvero!

Cosa ti piace del gioco di ruolo?
È la versione più evoluta, libera e incredibile dei giochi da tavolo. Mi piace trovarmi con gli amici e creare questa incredibile “vita alternativa” in cui ci salviamo la vita a vicenda, o ce la mettiamo a repentaglio con viltà e sine_requie_copertinatradimenti, scopriamo segreti meravigliosi e oscuri, visitiamo luoghi al limite dell’immaginazione e incontriamo personaggi incredibili! Qualche volta moriamo, qualche volta siamo eroi. Ma l’avventura non ha mai fine! Creiamo così il “sogno condiviso” e a distanza di anni conserviamo ricordi indelebili delle nostre avventure. Esiste qualcosa di meglio da fare (con le mutande addosso)? Io non lo conosco.

Cosa proprio non sopporti?
I discorsi acidi e supponenti che a volte becco sui forum e sui social network che partono dal gdr per finire nel delirio, con gente che si offende, che si sputa addosso veleno e analizza i giochi come fossero altro. In questi luoghi virtuali non parlano mai di divertimento, non mi trasmettono passione. Ecco, litigare sui regolamenti di gdr volendo imporre il proprio gioco preferito sugli altri con offese e supponenza è una cosa che non sopporto. L’unica, del mondo dei gdr, che mi crea prurito. Molti forum sono morti dopo l’instaurarsi di questi atteggiamenti. È un peccato, no?

Quale è il gdr che più ti appassiona?
Al momento gioco molto al mio ultimogenito, Anime e Sangue, perché dovevo testare regole e Magie per l’uscita di Lucca (ed è venuta fuori una campagna da un anno), e poi perché un nuovo gruppo mi chiede da mesi di giocare a quello, e infine perché ho un amico che da qualche settimana mi fa da Narratore a Cuori d’Acciaio (l’espansione sui robottoni… stiamo andando a fare il culo agli Eva, grande goduria!).
In passato ho amato molto Stormbringer, Richiamo di Cthulhu, Warhammer, Vampiri, Deadlands, e ho giocato a molti altri con passione.
Da domani vorrei giocare a Traveller, mi incuriosisce Numenera che acquisterò a Lucca, pagherei per trovare un Master che si leggesse e mi facesse giocare Ghostbusters, Supernatural o il vecchio Star Wars (acquistati recentemente, usati, a un buon prezzo) e al cesso mi rileggo l’ultimo acquisto… Uno Sguardo nel Buio! Il primo gdr a cui ho giocato e del quale solo ora ho ritrovato una scatola originale a un prezzo abbordabile (grazie a un amico)!
Ovviamente vorrei avere tempo per rigiocare al nero e cattivo Sine Requie (anche per accontentare alcuni amici che lo amano molto), magari col Moretti come Cartomante, ma presto dovrò testare altre cose di giochi ancora in divenire… quindi mi sa che tutti i miei sogni in questo senso svaniranno fin quando scriverò gdr… a meno che non si ricominci a scrivere avventure per Sine… in quel caso…

Parlaci delle tue opere: perché le scrivi, cosa ti ispira, cosa vorresti ottenere nel giocatore che le prova
Le scrivo per abbassare la media della qualità dei gdr, così quelli che compro mi sembrano nettamente più belli Ahahahahhaahahahahahahahh!!! Boh, seriamente, è una cosa che ho iniziato a fare per passione e anche per sfida, poi è successo qualcosa che è andato moooolto oltre le nostre aspettative e ora l’incredibile passione degli altri mi spinge a continuare. Pensa che alla scorsa Lucca, nei soli 4 giorni di fiera, abbiamo venduto oltre 1000 pezzi di Sine… siamo stati travolti da uno tsunami di amici che condivide con noi questa passione… è bellissimo! È la sola cosa che ripaga le notti insonni a scrivere e i fine settimana passati davanti al Pc mentre gli altri sono al mare!

Era una notte buia e tempestosa quando Matteo…
staccò la corrente (qua vengono dei fulmini che manco te li immagini, anni fa uno mi ha fatto ESPLODERE una colonna di mattoni e cemento armato) e quindi poté scrivere solo fin quando non si esaurì la batteria del portatile. Quella notte andò a dormire qualche ora prima.

Anime_SangueQuando hai scoperto di essere un giocatore di ruolo?
Quando notai quei grossi peli neri sulla schiena. Poi persi le unghie e ciuffi di capelli e… Ok, seriamente… estate del 1987, non avevo ancora12 anni quando i miei amici Leonardo e Matteo (un altro Matteo, non io, non il mio omonimo con un killer alle calcagna, e neppure il mio Narratore a Cuori d’Acciaio… oh, ma quanti Matteo conosco?) mi invitarono a giocare a “uno strano gioco da tavolo”: si chiamava Uno Sguardo nel Buio. Creai il mio primo Pg: Iron Dylan… giocai due volte e un mesetto dopo acquistai la scatola rossa di D&D!

Quale opera di fiction (letteraria, cinematografica, grafica, videoludica) ti ha ispirato di più e perché?
Tutte. Tutto ciò che vedo, che leggo, le persone che incontro, i miei studi, la musica, tutto ciò che è la mia vita entra a far parte di me, e ciò che metto nei miei gdr è tutto ciò che metto nel mio gioco, e cioè tutto me stesso.

Cosa dobbiamo aspettarci nel futuro da Matteo Cortini?
Mha… non ne ho la più pallida idea. Spero nulla da prima pagina sulla cronaca nera… ma nel dubbio, se mi vedete armato, non frapponetevi tra me e la torta alle vostre spalle.

Cosa vorresti vedere nel futuro del Gioco di Ruolo italiano?
Tanti bei giochi di ruolo 🙂

Categories: Intervista