Febbraio 2016 – Alessio Bartolucci

IL TERRIBILE INVERNO

In Gleba la cosa che preoccupa maggiormente i giocatori è riuscire a superare l’inverno. Ogni anno vi sono tre mesi di durissimo inverno: dicembre, gennaio e febbraio.

Prepararsi all’inverno: I più saggi sanno che l’inverno è il peggior nemico che si possa affrontare e per questo, mesi prima, già cominciano i preparativi pensando ognun per se, dio penserà agli altri. Il Master dovrà valutare quanto il personaggio si sia preparato, abbia generato idee interessanti e quanto abbia speso per prepararsi adeguatamente all’inverno, considerare tutto questo e fornirgli un bonus finale.

Generare idee: Elemento molto importante della preparazione invernale è inventarsi ogni genere di idea possibile per proteggersi dal freddo, sia durante il giorno che la notte. Questa parte è molto divertente e i giocatori si scervellano nel trovare idee originali, intelligenti o completamente folli, in ogni caso il Master deve dare libero sfogo alla loro creatività. Le idee possono essere di ogni genere: portare un otre pieno di acqua calda sotto la tunica; scavare una buca per imbottirla di piume di gallina; dormire nel pollaio insieme alle oche per stare più caldi, attrezzarsi con indumenti ulteriori come sciarpa, guanti, cappelli, calzamaglia; cospargersi di grasso per evitare al freddo di passare, dormire dentro la carcassa di un animale, migliorare le pareti della propria abitazione, o cospargersi di merda e qualsiasi altra cosa possa venire in mente.

Valle_del_Cervino_d'inverno

Accumulare scorte alimentari: Un altra importante componente della preparazione invernale consiste nell’accumulare avidamente scorte aggiuntive di alimenti. Oltre alla tradizionale alimentazione che il personaggio paga per sfamarsi è importante accumulare ulteriori scorte di cibo da consumare nei giorni più freddi. In questa parte il Master si diverte a sfogliare il manuale in tutte le voci dei prodotti alimentari tentando i giocatori morti di fame con ogni genere di prelibatezza che NON possono permettersi.  I giocatori iniziano con lo scegliere alcuni prodotti in quantità tali da essere sufficienti per i tre mesi invernali. Per esempio potrebbero acquistare 30 kg. di pane di orzo, 30 litri di vinaccio e 60 kg. di spinaci.

Superare l’inverno: Teoricamente chiunque non muoia durante l’inverno si ritiene abbia superato l’inverno, di fatto chi è riuscito a passarlo con poche penalità si considera abbia superato l’inverno brillantemente. Questo non comporta nessuna ricompensa concreta se non i complimenti da parte del Master al giocatore di turno e il rispetto degli altri giocatori che spesso esplodono in un applauso spontaneo per la riuscita dell’ardua impresa (specialmente al primo inverno di gioco).

Non superare l’inverno: Se durante o alla fine dell’inverno il personaggio, raggiunge l’ultima condizione nella tabella delle penalità, questo  non ha superato l’inverno ed è morto come un cane. Ciò significa che in termini di gioco il personaggio si è talmente indebolito da contrarre una malattia molto grave oppure è stato ritrovato al mattino dai propri fratelli congelato. Se il personaggio non è morto perde una parte del proprio corpo a causa del congelamento, monito a tutti coloro che pensavano che passare l’inverno era un gioco da ragazzi.